Massaggio thailandese tradizionale un’arte antica per il benessere moderno

Dall’arte antica del massaggio thailandese tradizionale, una fonte inesauribile di benessere.

Alzi la mano chi non desidera ogni tanto un bel massaggio rilassante su tutto il corpo. Quella del massaggio è un’arte antichissima e benefica, salutare. Esistono mille tipi di massaggi, tuttavia in genere la stimolazione dei muscoli, il tocco della pelle e tutto quello che c’è dietro, servono a distendersi, a rilassare il corpo e la mente, magari dopo una giornata di fatiche e stress.

Anche le popolazioni antiche utilizzavano abbondantemente queste tecniche sia per interventi di carattere medico, sia per fluidificare certe parti del corpo, per renderle più reattive consentendo un più abbondante ed agevole transito dei fluidi nel nostro corpo. Se andiamo col pensiero all’antica Roma, abbiamo ben presenti quei luoghi termali in cui i cittadini sostavano per ragioni ludiche ma anche di benessere fisico. Qui l’arte del massaggio era praticata da molti.

Così com’era praticata in India, in Cina e in Giappone da millenni. Nella cultura dell’estremo oriente tuttavia il massaggio ha un significato più particolare, più intenso che in occidente. E’ legato profondamente all’aspetto mentale delle persone, alla meditazione e alla ricerca dell’equilibrio psichico, prima che di quello fisico. Sapendo che per certe culture orientali i due aspetti sono pressoché inscindibili, contrariamente a quello che per secoli abbiamo pensato noi in Occidente.

Tuttavia negli ultimi decenni, e ancor più particolarmente negli ultimi anni, la penetrazione dell’arte del massaggio è stata notevole anche in Europa. Quest’arte non è più appannaggio solo di popolazioni orientali che si sono in parte stabilite in Nord America e in Europa, bensì è divenuta appannaggio pressoché di tutti. Nei centri estetici e non solo c’è la possibilità di avere a disposizione persone esperte che, per cifre modiche, mettono al servizio del cittadino la loro pratica e, in qualche caso, la loro vera e propria arte.

Massaggio thailandese tradizionale un’arte antica

Massaggio thailandese tradizionale un arte antica

Come nel caso del massaggio thailandese tradizionale, uno dei più praticati e apprezzati. Questa tecnica ha molto a che fare con la medicina indiana ayurvedica, nonché col famoso Yoga. Ma la tecnica del massaggio Thai si avvale anche di antiche conoscenze della medicina e della tradizione cinese. Addirittura la leggenda ci racconta che il fondatore del massaggio thailandese è stato il medico compagno di viaggio del Buddha.

In effetti insieme all’insegnamento religioso praticato dai monaci buddisti, venivano trasmesse conoscenze mediche che fondevano meditazione, pratiche mediche e conoscenza dell’essere umano nella sua totalità. Una concezione olistica dell’esistenza che noi occidentali non conoscevamo e forse non conosciamo nemmeno oggi.

[amazon_link asins=’8870316246,8827202250,8872736617′ template=’ProductCarousel’ store=’centroshiatsu-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b87ea0bd-d9af-11e7-afd0-4f25f1b2dfb3′]

Il corpo umano, secondo la filosofia thailandese e non solo, possiede 72.000 linee energetiche. Il massaggio tradizionale thailandese ne prende in considerazione 10, definite Sen. Su di esse il massaggiatore opera col proprio corpo in maniera pressoché totale. Sono usati le mani, i piedi, i gomiti, gli avambracci, le ginocchia. Tutto il corpo è soggetto a manipolazioni sapienti, con allungamenti e stiramenti dolci ma al contempo profondi. Una specie di yoga passivo, insomma.

La durata minima è di un’ora e mezza, la massima di tre ore. I benefici più importanti del massaggio Thai sono il miglioramento della circolazione sanguigna e linfatica; l’alleviamento dei dolori come cefalee e dolori cervicali, dolori alla schiena e articolari; il miglioramento della mobilità dei segmenti scheletrici e il rafforzamento delle funzioni neurologiche.

Inoltre il massaggio è utile nella menopausa, combatte l’insonnia e in generale lo stress. Non da ultimo, è molto efficace per il raggiungimento della pace interiore e del benessere mentale. Le controindicazioni si limitano alle persone che soffrono di problemi cardiaci di una certa entità, ernie discali, osteoporosi, flebite, vene varicose e gravi processi tumorali in corso.

Il massaggio thailandese tradizionale è quindi un eccellente viatico per il benessere mentale e fisico, una maniera intelligente per rilassarsi e curarsi al contempo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*